Iniziative

Rivolta l’Italia: uniti, con l’Italia che non si arrende.

di Adolfo Urso

Condivido l’appello di Antonio Martino “Rivolta l’Italia” ed auspico che venga condiviso da tutti coloro che non si rassegnano al crollo del Paese. Siamo vicini al collasso sociale ed economico e tutti gli indicatori segnalano lo stato di allarme: la produzione industriale a picco, la disoccupazione crescente, recessione e deflazione, con sei milioni di poveri, debito pubblico ai massimo, deficit reale reale oltre il 3 per cento.

Le imprese stanno soffocando tra un fisco sempre più esoso e una burocrazia sempre più inefficiente. La leva del credito bloccata, montagne di mutui in sofferenze, consumi ancora in discesa, malgrado il dissanguamento degli 80 euro.

Il malato Italia non risponde più agli stimoli e l’Europa come sempre non risponde ai suoi appelli. È necessaria una Rivolta liberale, radicale e rivoluzionaria, per cambiare il Paese e liberare le energie migliori, per innescare fiducia e crescita.

Si può, si deve, oltre le appartenenze politiche, per scuotere il centrodestra e dare una vera rappresentanza alla maggioranza degli italiani dispersa e disamorata, in una un’Italia angosciata e disperata. Si può e si deve per fare, subito e senza infingimenti le vere riforme che servono a ridare competitività al sistema Italia: fisco, burocrazia, pubblica amministrazione, giustizia civile. Oggi più che mai, in campo con l’Italia che non si arrende.

da www.lacosablu.it

Farefuturo

Farefuturo promuove la cultura delle libertà e dei valori dell'Occidente nel quadro di una rinnovata idea d'Europa, forte delle proprie radici e consapevole del proprio ruolo nei nuovi scenari internazionali.

Aggiungi Commento

Clicca qui per commentare

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi