Logo-Chartaminuta-esteso-or-min

Il crollo del turismo con il Coronavirus

Di

L'attività turistica italiana con un movimento di circa 87 miliardi di Euro rappresenta oltre il 13% dell'intero prodotto interno lordo nazionale ed occupa in modo più o meno stabile circa 4,2 milioni di addetti. Queste cifre fanno attestare il settore turistico di gran lunga al di sopra di settori pur avanzati quali quello alimentare, agricolo e tessile. Si tratta cioè di un giro di affari di circa 87 miliardi di Euro (nel 2019) di cui 44,3 portati dagli stranieri, con un trend in aumento costante negli ultimi anni. Questo anno, se non ci fosse stato il Coronavirus, negli stessi mesi...

Leggi di più

L’ITALIA RAFFORZA LE “RELAZIONI PERICOLOSE” CON IL QATAR

Di

L'esercito italiano ha siglato il 10 settembre un accordo di cooperazione militare con l'esercito del Qatar. Formazione, addestramento e sviluppo delle capacità di combattimento: è quanto i soldati italiani garantiranno ai colleghi provenienti da Doha. Dovremmo esserne fieri e rallegrarcene? La domanda (retorica) trova una chiara risposta nella rassegna stampa internazionale delle ultime settimane, dove a circolare diffusamente è la notizia delle forniture militari che il Qatar avrebbe fatto recapitare in Libano a Hezbollah, recentemente designato come organizzazione terroristica anche dalla Germania. Armi serbe, oro ugandese, grandi somme di denaro, svariati intermediari (balcanici e non), insieme ad "alti ufficiali" dell'emirato:...

Leggi di più

Paolo Quercia: “solo se contiamo nel Mediterraneo, contiamo in Europa”

Di

Docente di Studi Strategici, Paolo Quercia è direttore del Center for Near Aboard Strategic Studies (CeNASS). D. Quali sono i principali avvenimenti e mutamenti in corso nella area Mediterranea d’interesse dell’Italia? R. Sono enormi, ed ormai in corso da molti anni. Essi stanno creando un nuovo gorgo geopolitico in cui naufragano le vecchie certezze sull’euromediterraneo, sulla sicurezza regionale, sul ruolo dell’Europa e delle sue vecchie potenze coloniali. Il fattore primo, il motore di questi eventi, è stato l’intervento militare in Iraq, che ha avviato il processo di destrutturazione del Medio Oriente. La crisi economica, le primavere arabe, le sfide poste...

Leggi di più
agenda
fomazione
storico
editoria