Urso: “L’Italia strumento dell’egemonia cinese”

di

Nel 2001 Adolfo Urso, allora viceministro al Commercio estero, era al Wto quando si decise l’ingresso della Cina. “E in passato ho fatto moltissimo per spiegare l’importanza della Cina alle aziende italiane. Ma la Cina non è più il paese di vent’anni fa. Oggi i cinesi sono politicamente aggressivi e sono economicamente competitivi. Inoltre la Cina sta costituendo un blocco di alleanze alternativo al blocco Atlantico di cui noi abbiamo sempre fatto parte. E’ proprio cambiata la postura dello stato cinese. Dunque è evidente che siglare un accordo dai tratti politici come il memorandum di cui si discute in [...]

Leggi di più

Il Dragone in Europa: quali rischi per l’Italia

di

Leggi di più

Il ruolo delle infrastrutture per il dominio globale

di

“La geopolitica in un mondo connesso, si gioca sempre meno sulla mappa del Risiko della conquista territoriale e sempre di più nel Matrix dell’infrastruttura fisica e digitale” così annota Parag Khanna nel prologo alla sua opere più importante Connettography-Le mappe del futuro ordine mondiale a proposito dell’evoluzione della competizione geopolitica, passata appunto dalle guerre di conquista dei territori al tiro alla fune per acquisire sempre maggiori spazi in ambito energetico, industriale e soprattutto tecnologico. Se la connettività è dunque la caratteristica delle nuove sfide globali fra Stati, la Cina da questo punto di vista rappresenta senz’altro il protagonista della [...]

Leggi di più

La sfida della sicurezza e della geopolitica

di

I) Le indicazione fornite dalla “Relazione sulla Politica dell’Informazione per la Sicurezza – 2018” Una seria valutazione della minaccia che grava sulla nostra sovranità nazionale nel caso specifico del processo di avvicinamento della Cina al quale la visita di Stato del Presidente Xijinping intende imprimere un decisivo impulso anche attraverso del Memorandum of Understanting e l’adesione italiana alla “Via della Seta, deve muovere, io credo, da una attenta rilettura della Relazione sulla politica dell’informazione per la sicurezza recentemente resa pubblica dai nostri servizi di intelligence. In particolare, vorrei rilevare come alcune osservazioni alle pagine 61, 62, 63, nonché alcuni riferimenti [...]

Leggi di più
Logo-Chartaminuta-esteso-or-min

Urso: “L’Italia strumento dell’egemonia cinese”

di

Nel 2001 Adolfo Urso, allora viceministro al Commercio estero, era al Wto quando si decise l’ingresso della Cina. “E in passato ho fatto moltissimo per spiegare l’importanza della Cina alle aziende italiane. Ma la Cina non è più il paese di vent’anni fa. Oggi i cinesi sono politicamente aggressivi e sono economicamente competitivi. Inoltre la Cina sta costituendo un blocco di alleanze alternativo al blocco Atlantico di cui noi abbiamo sempre fatto parte. E’ proprio cambiata la postura dello stato cinese. Dunque è evidente che siglare un accordo dai tratti politici come il memorandum di cui si discute in [...]

Leggi di più

Il Dragone in Europa: quali rischi per l’Italia

di

Leggi di più

Il ruolo delle infrastrutture per il dominio globale

di

“La geopolitica in un mondo connesso, si gioca sempre meno sulla mappa del Risiko della conquista territoriale e sempre di più nel Matrix dell’infrastruttura fisica e digitale” così annota Parag Khanna nel prologo alla sua opere più importante Connettography-Le mappe del futuro ordine mondiale a proposito dell’evoluzione della competizione geopolitica, passata appunto dalle guerre di conquista dei territori al tiro alla fune per acquisire sempre maggiori spazi in ambito energetico, industriale e soprattutto tecnologico. Se la connettività è dunque la caratteristica delle nuove sfide globali fra Stati, la Cina da questo punto di vista rappresenta senz’altro il protagonista della [...]

Leggi di più

La sfida della sicurezza e della geopolitica

di

I) Le indicazione fornite dalla “Relazione sulla Politica dell’Informazione per la Sicurezza – 2018” Una seria valutazione della minaccia che grava sulla nostra sovranità nazionale nel caso specifico del processo di avvicinamento della Cina al quale la visita di Stato del Presidente Xijinping intende imprimere un decisivo impulso anche attraverso del Memorandum of Understanting e l’adesione italiana alla “Via della Seta, deve muovere, io credo, da una attenta rilettura della Relazione sulla politica dell’informazione per la sicurezza recentemente resa pubblica dai nostri servizi di intelligence. In particolare, vorrei rilevare come alcune osservazioni alle pagine 61, 62, 63, nonché alcuni riferimenti [...]

Leggi di più

Le nostre attività

meeting
fomazione
analisi
atti