Giugno 2019

Così si ferma il settore auto

Sono qui a rappresentare la filiera dell'industria automobilistica partendo dalla casa auto fino all'ultimo dei componentisti che produce anche un “semplice” bullone. Non nascondo che è forte la responsabilità che sento in questo momento, tuttavia, sono qui anche e soprattutto in veste di imprenditore in quanto come diceva il senatore...

Rinegoziare l’Unione Bancaria

La mia disamina muove sostanzialmente dal titolo. Quando abbiamo deciso di parlare di Banche, di Europa, ho fatto un ragionamento molto semplice, ho guardato a quando sostanzialmente questo tema è diventato un problema. Peraltro ne parleremo anche oggi pomeriggio con gli amici dell’Ucid a proposito del libro sull'educazione finanziaria...

Truffati dalle banche, forse anche dal governo

Un altro slittamento per il varo del decreto sui rimborsi ai risparmiatori beffati dalle banche. A quasi un anno dall'incontro tra il Premier Conte e una delegazione di risparmiatori, ancora la legge che dovrebbe permettere di rimborsarli è in alto mare. Dalle solenni promesse in campagna elettorale di un risarcimento al...

Dicembre 2018

La "bocciatura" non decide il futuro dell’Italia, la qualità della manovra sì

Da qualche tempo l'Unione Europea diffonde annunci chiave riguardanti l'Italia a mercati aperti, non nascondendo ma anzi dimostrando un disegno politico preciso volto a colpire il nostro paese, che sembra diventato una nuova Grecia, da sacrificare per dimostrare al mondo l'esistenza di un'unità continentale e di una serietà istituzionale...

Rinaldi:Il ruolo dello Stato? Investire su chi produce in Italia

Lunedì 26, a Roma, si terrà la terza sessione di studi del master di Farefuturo “Sovranismo vs Populismo”. L’incontro sarà dedicato a un altro tema di stringente attualità: “Impresa, lavoro, formazione e nuove povertà: quale il ruolo dello Stato?”. Ne discutiamo con uno dei relatori dell’incontro, l’economista e professore...

"Forza Spread!", l’imbarazzante "partito" che tifa per il disastro

Eccolo, di nuovo. Dopo qualche anno di tattica assenza, è tornato baldanzoso il partito dello spread. Riunisce tutto il peggio che l’opinione pubblica possa offrire. In prima linea troviamo certi giornalisti, esperti in danza classica – soprattutto nell’eseguire piroette – che fanno le pulci al Documento di Economia e...