Aprile 2018

L’Europa modello Orban? E’ possibile: confederale e con Stati forti

«Ventisette anni fa qui in Europa Centrale pensavamo che l’Europa fosse il nostro futuro, ora sentiamo di essere noi il futuro dell’Europa». Queste parole-manifesto, pronunciate per la prima volta da Viktor Orbàn, appena rieletto a furor di popolo premier del governo in ungherese, sono state riprese ieri da Adolfo...

Con Viktor Orban Festeggiamo il sovranismo di governo "europeo"

Il grande successo di Viktor Orbán in Ungheria è un ulteriore monito all’Europa di Bruxelles che si ostina a non voler cambiare, come dimostrano le uscite "a gamba tesa" dei due vicepresidenti della Commissione Ue sui nostri quotidiani nei giorni scorsi a proposito dei bilanci dello Stato. Gli elettori...

Febbraio 2018

Se si vuole il bene dell’Ue basta con l’utopia degli Stati Uniti d’Europa

«Nuova seria sconfitta dell´europeismo nell'Europa centro-orientale. Nella civilissima, avanzata Repubblica ceca il capo dello Stato uscente, il russofilo nazionalpopulista xenofobo Milos Zeman, ha sconfitto lo sfidante europeista accademico Jiri Drahos al ballotaggio delle elezioni presidenziali». L’incipit di questo articolo con il quale Repubblica presenta in modo imparziale e oggettivo...

Novembre 2017

Una visione neoconservatrice "continentale" per salvare l’Europa

In un continente e in una aggregazione di Stati quali l'Ue, divenuta oramai amorfa quasi e priva di ogni strumento per affrontare le sfide del presente (figuriamoci quelle del futuro) deve emergere una nuova coscienza, l'unica che potrebbe rimetterla nella giusta carreggiata: un nuovo conservatorismo non nazionale, bensì europeo....